Sgarbi a Bolzano per raccontare Michelangelo

Vittorio Michelangelo

Sgarbi fa il bis … dopo lo spettacolare Caravaggio che ci ha raccontato per tutto il 2016, l’estro e l’oratoria del “Vittorio” nazionale tornano sulla scena dei teatri italiani con un altro grande artsita della storia, Michelangelo Buonarroti. Ancora un personaggio dall’ombra lunga che in pochi potrebbero raccontare così approfonditamente come farà Sgarbi. Due ore di “Lectio Magistralis” non solo sull’artista ma anche sull’uomo che segnò il Rinascimento. Lo spettacolo già in tour dal 2017 continua il suo itinerario con numerose tappe in un giro d’Italia che, in questo 2018, ha già toccato Brindisi, Bergamo e Brescia, solo per citarne alcune.

Non è un caso che lo spettacolo di Sgarbi dedicato a Michelangelo Buonarroti vada in scena proprio in questi giorni. Il genio dell’arte nacque, infatti, il 6 marzo di 543 anni fa (correva l’anno 1475) e l’illustre Vittorio, professore di Storia dell’Arte, lo sa bene che i personaggi storici vanno ricordati nell’anniversario … aiuta lo spettatore a ricordare diffondendo allo stesso tempo cultura “erga omnes“.

Non è un caso, neppure, la vicinanza dello spettacolo alla data dell’otto di marzo; noto l’amore provato da Sgarbi per l’Arte e per la Donna, quest’ultima spesso celebrata dai grandi artisti della storia, troppo frequentemente maltrattata nella quotidianità dei nostri giorni. Quella quotidianità che non lascia spazio all’Arte nelle sue innumerevoli forme e manifestazioni. Ed è qui che il noto critico ferrarese sente il dovere di fare cultura, uscendo dell’aula magna dell’Ateneo di Perugia per raggiungere tutti gli strati della società. Diffondere cultura, è questo il dovere dell’erudito, di colui che possiede “un notevole bagaglio di cognizioni in una o più discipline…cit.”, e ciò lo renderà immortale, memoria storica della nostra società.

25398149_1635167066570498_4358645494779156824_o

Doppio tributo, dunque, quello che Vittorio Sgarbi dedica alla bellezza riservandoci, ancora una volta, un posto in prima fila tra coloro che non saranno mai ebri di fronte all’immenso patrimonio artistico del nostro paese.

Michelangelo Buonarroti (Caprese, 6 marzo 1475–Roma, 18 febbraio 1564) scultore, pittore, architetto e anche poeta … ecco il profilo storico artistico del “Genio ante litteram” che dal 1504 in poi cambiò la storia dell’arte del Rinascimento italiano.

E’ proprio in quell’anno che tutto ebbe inizio con la commissione avuta per affrescare la Grande Sala del Consiglio a Palazzo Vecchio a Firenze, il soggetto che avrebbe dovuto ritrarre era “La battaglia di Cascina“, al suo fianco un altro immortale della nostra storia, Leonardo Da Vinci e la sua mai compiuta “Battaglia di Anghiari“.

Ma è nel 1507 con il “Tondo Doni” che Michelangelo inizia il periodo “Manierista“, un piccolo dipinto di forma circolare avente come soggetto “La Sacra Famiglia“, la commissione di Agnolo Doni e la particolare forma conferirono nel tempo il nome al capolavoro michelangiolésco.

Solo un anno dopo, nel 1508, inizia a Roma i lavori per affrescare la volta della Cappella Sistina, finiti poi nel 1512. E circa trent’anni più tardi, sulla parete di fondo della stessa cappella papale “il Giudizio Universale” che aprì un vuoto perenne, una voragine stilistica, fra lui e chi lo seguì negli anni, o almeno fino al 1571, anno della nascita di Michelangelo Merisi, ma questa è un’altra storia.

di Massimo Galiotta

28061486_1711755758911628_6595125163194971930_o

L’articolo è proprietà dell’autore ed ogni riproduzione è vietata (L/22/4/1941 n°633 e relative modifiche) eccetto nei casi previsti dalla legge.

©InMostraBlog

 

 

2 commenti Aggiungi il tuo

    1. inmostrablog ha detto:

      … Thanks to you

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...